don mcculling fotografo ritratto

Don McCullin: ho deciso di condannarmi alla pace

Per cominciare, devo dire che non mi sento qualificato per parlare di fotografia di guerra: perché non mi sono mai trovato in una guerra. Non che lo rimpianga - non sono cose che si rimpiangono - ma il fatto di non avere mai conosciuto la realtà della violenza fa sì che la mia esistenza mi sembri a volte un po' irreale. Uno dei rari episodi di violenza della mia vita risale alla mia infanzia. La storia è così banale che ti farà sorridere, ma la racconterò ugualmente, perché dà l'idea della differenza tra noi. All'inizio della guerra del 1939, eravamo rifugiati in una piccola città svizzera, i cui abitanti ci facevano pesare il fatto che gli dovevamo la vita e si credevano in diritto di maltrattarci un po'. I miei compagni di liceo, in particolare, si erano coalizzati contro di me, motivati un po' dall'antisemitismo che era nell'aria, un po' semplicemente dall'antipatia che doveva ispirargli quel ragazzo grosso e maldestro che non capiva...

Per leggere tutte le nostre interviste
devi abbonarti.
Puoi farlo molto velocemente con PayPal o con carta di credito.

Abbonati ora. 1€/anno
  • Leggi le nostre interviste in anteprima via email
  • Accesso libero a quasi 100 interviste con i più grandi fotografi internazionali
  • Possibilità di salvare le tue interviste preferite
  • Ricevi la nostra Newsletter

Condivisioni